• Sab. Dic 5th, 2020

Paese strano davvero l’America.

Ok, sarebbe più corretto dire U.S.A. ma per gli italiani già la parola America ha il suono e una fascinazione tutta sua e poco contano i distinguo.

E “Il processo ai Chicago Seven” (in programmazione su Netflix) è uno di quei film tanto perfetti nel raccontare la stranezza e la fascinazione di questo enorme Paese che pur mettendo in scena la “semplice” realtà di quanto avvenuto sembra che la Storia si sia divertita a stendere un copione da cedere a Hollywood quando si fosse trovata a corto di storie.

Eppure, tanto è il materiale che ci sarebbe stato da raccontare che il film, per motivi di tempo, nemmeno riesce a raccontarlo tutto, la figura dell’incredibile legale William Kunstler, ad esempio, meriterebbe un’opera a parte.

La penna (anche se questa volta lo troviamo anche – molto degnamente – dietro la macchina da presa) è quella di Aaron Sorkin, sua la scrittura di A Few Good Men, diventato ormai un classico, anche in Italia, col nome di Codice d’onore (sì, proprio quello con Jack Nicholson, Tom Cruise e Demi Moore) e cito questo solo per farvi immaginare quanto si trovi a proprio agio nel raccontare un processo.

Il cast è di livello altissimo con i protagonisti che si divertono a fare a gara tra loro e dove anche i figuranti sembrano aver anni di accademia alle spalle.

In scena una generazione che provava a combattere fino a vincere (con i fiori infilati nelle baionette dei poliziotti o con bottiglie incendiarie) una politica che considerava i cittadini come semplici pedine da sacrificare in nome di interessi economici, politici e geopolitici.

Uno strano Paese l’America che – nel silenzio della maggioranza – ogni due anni ha più morti di quelli avuti in Vietnam nel nome del secondo emendamento (vendita di armi, anche d’assalto a tutti) e seppellisce più morti per Covid di quanti hanno perso la vita nelle sue ultime guerre.

Se hai trovato questo articolo interessante, condividilo sul tuo profilo. Metti “in rete” la “cultura”, grazie!

Questa è la mia pagina fb.

massimopiccolo

Autore e regista, perché credo davvero che: “Non sei fregato veramente finché hai da parte una buona storia, e qualcuno a cui raccontarla”.

Rispondi

X