Due regolette fondamentali sull’arte della narrazione (e il prezzo che si paga a non rispettarle).

Teen spirit non è un brutto film: la storia è ormai archetipa (il riscatto sociale e personale grazie a caparbietà e talento) e quindi dovrebbe funzionare, gli attori sono bravi e hanno carisma sufficiente a tenerti lì (Elle Fanning su tutti, ma anche Zlatko Buric e  Agnieszka Grochowska, così come Rebecca Hall e gli interpreti minori), ma tutto questo non fa altro che rendere ancora più evidente il problema narrativo che pregiudica il film. Continua a leggere

E.Si.Le (Estrema Sintesi Letteraria): I Miserabili – Victor Hugo

317a72faca6a3201395c806d50de3fd0

Una pregiata edizione illustata da Renato Gattuso

Uno dei più riusciti romanzi “lunghi” della letteratura classica con meccanismi e ingranaggi ancora perfettamente funzionanti nonostante il secolo e mezzo di vita. Personaggi tagliati senza ombre, come in una fiaba (siamo ancora molto lontani dall’idea dell’introspezione e delle sfumature), che raccontano la lotta tra il bene, Jean Valjean, e il male, I Thénardier, in una maniera così precisa che quasi ti sembra di vedere il viso di Hugo mentre sorride pensando che in questo punto il lettore sarebbe sobbalzato, qui si sarebbe commosso, qui avrebbe alzato la voce per suggerire qualcosa già capito al personaggio.

Continua a leggere

Layla e 6 plot twist da riscoprire

Uno degli aspetti che più ha colpito l’immaginario dei lettori di Layla regalandoci questo fantastico passaparola (che ci costringerà ad andare in ristampa già dopo l’estate!) è il colpo di scena finale – plot twist che, non trattandosi né di un giallo né di un thriller, crea – a voler credere ai lettori  – una sensazione di sorpresa e, allo stesso tempo, comprensione precisa di tutte le 380 pagine già lette illuminate adesso da una luce diversa. Continua a leggere

E.Si.Le (Estrema Sintesi Letteraria): Profumo – Patrick Süskind

C’è qualcosa di terribilmente attraente e allo stesso tempo molesto nel leggere il capolavoro di Patrick Süskind, ed è una sensazione che ti accompagna – senza alcuna evoluzione (senza che ne diventi un limite) – per tutta la lettura del romanzo.

Profumo

La prima è che gli uomini sono e restano comunque, per quanto cerchino di elevarsi (magari coprendo i loro odori con essenze profumate), animali. E quando Süskind pensa agli animali non immagina l’universo Disney o la rappresentazione – tutta umana – del mondo animale come esempio di lealtà e buoni sentimenti ma solo un sistema dove l’etica è del tutto assente e il bisogno (o desiderio, per lui è lo stesso) è l’unico motore per ogni azione. Continua a leggere

Via col vento – proviamo a capirci qualcosa in più.

È bastato questo post semplice semplice “Ma davvero non avete provato un po’ di disagio a guardare alcune scene di Via col vento piene di stereotipi razzisti? (per non parlare dello scempio della versione italiana). A cosa vi nuoce che questo venga sottolineato?”

via col vento1

Neanche particolarmente brillante per originalità, lo ammetto, perché si scatenasse un putiferio – impossibile da gestire  – tra le molteplici direzioni di repliche e controrepliche tra chi vedeva a rischio la libertà d’espressione, chi il pericolo di una moralizzazione a posteriori, chi semplicemente a rischio l’integrità di emozioni e ricordi legati alla pellicola. Continua a leggere

Un giorno di pioggia a New York – (consigli cinematografici non richiesti).

Guardare un film dell’ultimo Woody Allen è come assistere a un concerto di Bill Evans negli anni ’70 o di Chet Baker negli anni ’80, dove, seppur non ci ritrovavi più il genio dell’invenzione c’era quello dell’interpretazione e delle piccole variazioni che ti facevano ringraziare il tuo Dio per averli messi al mondo.

pad.mymovies.it

Compralo su Amazon

Continua a leggere

La spirale – da simbolo mitologico e massonico a struttura narrativa

Uno degli aspetti che più amo nel leggere le recensioni di Layla è il rimando delle sensazioni che il lettore (giornalista, blogger o critico poco importa) rimanda. Lo spunto di questo post mi arriva (almeno) dall’intervento preciso e puntale di Federica (federica_books),  Katia (katiasbook) e Mariapaola (marlahsbooks).

triskel

Spirale simbolo del Triskell

Continua a leggere