Il libro in Vetrina: Layla

Layla è disponibile in tutte le librerie, ma chi volesse però può ordinarlo anche on-line presso il proprio store preferito!

Inviaci una mail e ti arriverà a casa!
Leggi la recensione su Il Mattino
Consegna in due giorni
Leggi la recensione su la Repubblica
Consegna Prime

Benvenuti al Birdland Night Club!

Gentile viaggiatore, grazie moltissime per essere arrivato fino a qui… dopo 6 edizioni live, per non fermare il nostro appuntamento con gli appassionati di storie e di libri, abbiamo creato Birdland Night Club (ogni martedì alle ore 23), un piccolo spazio (nel pieno del rispetto delle norme anti-covid), senza troppi mezzi e pretese se non l’idea di cercare di trasmettere un po’ della passione per la lettura che ci portiamo dentro.

Se vuoi, inscriviti e segui il nostro Moon Over Channel su YouTube per questa e le prossime iniziative culturali che seguiranno:

Qui sotto le prime tre (di otto) puntate che abbiamo preparato.

Mank, inestimabile gioiellino per gli amanti del cinema.

Hollywood dalla grande depressione all’inizio della Seconda Guerra Mondiale, l’importanza essenziale degli sceneggiatori, figure fondamentali nell’industria del cinema, ma raramente raccontate. Attori – Gary Oldman su tutti – di una bravura imbarazzante. Amanda Seyfried e Lily Collins in ruoli – per quanto non complicatissimi – che finalmente le rendono giustizia.

Amanda Sayfried

Da incorniciare, e non solo per la prova di Oldman, il personaggio di Herman J. Mankiewicz (il Mank del titolo). Grandissimo il lavoro fatto da Jack Fincher che gli regala una velocità di pensiero e una capacità ironica di leggere la realtà che da sole varrebbero l’intero film e che, giusto per ricordarci quanto gli dei della scrittura a volte siano generosi, affida alla “povera Sara” (Tuppence Middleton anche lei bravissima) una delle frasi d’amore più belle e sofferte – pronunciata con una leggerezza ancora più convincente manco fossimo in una delle migliori pellicole di Woody Allen: “…in questa vita mi sono tanto dedicata a te che devo restarti accanto per sapere come va a finire..”.

Il cinema visto come l’urgenza di raccontare storie e l’acquisizione della consapevolezza dell’enorme potere che la fabbrica della comunicazione si avviava sempre più a conquistare, e così la straordinaria la parabola di Shelly Metcalf, uno dei pochi personaggi inventati del film (anche qui una grande prova per Jamie McShane) anticipa quello che poi sarà l’opera che vediamo nascere per tutto il film, uno dei pilastri del cinema dello scorso secolo: Quarto potere di O. Wells (e Herman J. Mankiewicz).

Gary Oldman

Puoi vedere Mank su Netflix e Quarto Potere su Amazon Prime.

Ami il “cinema breve”? Diventa protagonista con noi

Si svolgerà dal 26 al 29 novembre la seconda edizione dell’Inferenze Short Film Festival.

Diventa protagonista guardando e votando in anteprima i 13 corti finalisti di questa stupenda seconda edizione.

Per candidarti scrivi a info@moonoverproduzioni.it

Potrai seguire il festival on-line su

Ass. Luna di Seta

Moon Over produzioni

Massimo Piccolo Page

INFERENZE SHORT FILM FESTIVAL

Perché?

Perché il “pensiero complesso”, l’abbandono di un’interpretazione ingenua (e quindi consolatoria) della realtà è l’atto più rivoluzionario e necessario che oggi possa essere compiuto.

Gli short-movie che saranno protagonisti all’Inferenze Film Festival avranno un unico denominatore comune: il racconto non semplice o scontato di una storia.

La camorra è un inferno, la povertà è brutta, la ricchezza corrompe, i giovani di oggi passano troppo tempo al cellulare, gli uomini vogliono tradire le mogli con ragazze giovani, le donne sognano l’avventura con l’uomo bello e romantico, i segreti tengono insieme le coppie, l’arroganza è cafona e così via… aggiungete voi tutti i luoghi comuni (poco ci interessa giudicare quanto verità ci sia in questi), che dominano la narrazione nel cinema e nell’audiovisivo italiano.

Tutto questo a noi NON interessa.

Cerchiamo sguardi diversi. Racconti che vadano oltre la banalità del già “visto” e della facile morale consolatoria.

La realtà è complicata, fino a quando non l’avrai compreso, non potrai agire davvero.

Strano Paese l’America.

Paese strano davvero l’America.

Ok, sarebbe più corretto dire U.S.A. ma per gli italiani già la parola America ha il suono e una fascinazione tutta sua e poco contano i distinguo.

E “Il processo ai Chicago Seven” (in programmazione su Netflix) è uno di quei film tanto perfetti nel raccontare la stranezza e la fascinazione di questo enorme Paese che pur mettendo in scena la “semplice” realtà di quanto avvenuto sembra che la Storia si sia divertita a stendere un copione da cedere a Hollywood quando si fosse trovata a corto di storie.

Eppure, tanto è il materiale che ci sarebbe stato da raccontare che il film, per motivi di tempo, nemmeno riesce a raccontarlo tutto, la figura dell’incredibile legale William Kunstler, ad esempio, meriterebbe un’opera a parte.

La penna (anche se questa volta lo troviamo anche – molto degnamente – dietro la macchina da presa) è quella di Aaron Sorkin, sua la scrittura di A Few Good Men, diventato ormai un classico, anche in Italia, col nome di Codice d’onore (sì, proprio quello con Jack Nicholson, Tom Cruise e Demi Moore) e cito questo solo per farvi immaginare quanto si trovi a proprio agio nel raccontare un processo.

Il cast è di livello altissimo con i protagonisti che si divertono a fare a gara tra loro e dove anche i figuranti sembrano aver anni di accademia alle spalle.

In scena una generazione che provava a combattere fino a vincere (con i fiori infilati nelle baionette dei poliziotti o con bottiglie incendiarie) una politica che considerava i cittadini come semplici pedine da sacrificare in nome di interessi economici, politici e geopolitici.

Uno strano Paese l’America che – nel silenzio della maggioranza – ogni due anni ha più morti di quelli avuti in Vietnam nel nome del secondo emendamento (vendita di armi, anche d’assalto a tutti) e seppellisce più morti per Covid di quanti hanno perso la vita nelle sue ultime guerre.

Se hai trovato questo articolo interessante, condividilo sul tuo profilo. Metti “in rete” la “cultura”, grazie!

Questa è la mia pagina fb.

Un piccolo omaggio al grande Tiziano Sclavi

Per la nostra settima edizione di Birdland un piccolo omaggio al grande Tiziano Sclavi… grazie ancora alla mia “sposa per un giorno” Rossella Nusco e a Federica Marino per il trucco, Beatrice Baino per l’ospitalità e la location, Valentina Sodano, Gabriella Diliberto, Dario Di Leva e Gianfranco Cercola per la preziosa assistenza.

Un grazie davvero speciale a Matteo Cocca (Tom Tea) per aver scritto la bellissima Valse Macabre che ascoltate guardando il video.

Birdland2020: DellaMorteDellAmore – Speciale Halloween!

Sono tempi difficili, lo sappiamo bene, ma vogliamo lo stesso provare un po’ di strana normalità per questo Halloween.

Sei foto a tema urban horror ispirate al titolo del bel libro di Tiziano Sclavi (il creatore di Dylan Dog).

Le foto le ho realizzate nella scorsa edizione del bellissimo Napoli Horror Festival organizzato da Beatrice Baino e la sua incredibile squadra, la modella è Rossella Nusco, il trucco è di Federica Marino della New Flesh – Make Up & Creative Lab ad assistermi in maniera preziosissima Valentina Sodano, Gabriella Diliberto, Gianfranco Cercola e Dario di Leva.

E vi lascio con una bella frase del libro ripresa anche poi dal film omonimo: Ognuno di noi fa quello che può per non pensare alla vita.

Rossella Nusco in uno scatto di Massimo Piccolo

Se hai trovato questo articolo interessante, condividilo sul tuo profilo. Metti “in rete” la “cultura”, grazie!

Questa è la mia pagina fb.