Odiate e moltiplicatevi!

Che i media fossero un grande mezzo per diffondere propaganda e odio non lo scopriamo certamente adesso: dai libri (sacri e non) alla radio fino alla tv, passando per cinema, inevitabilmente internet e, purtroppo, facebook.

cani

Anche che venissero costruiti falsi “contenuti” (oggi le chiamiamo bufale) con intenti più o meno nobili, non è di sicuro una novità: dalle “rivelazioni” di un’entità superiore per sentirsi eletti col diritto di sterminare tutti gli infedeli (dalla Bibbia al Corano), alle pseudo scienze (razze inferiori, eugenetica) per ridurre in schiavitù o sterminare (di nuovo) altri esseri umani.

Ma mai, molto probabilmente, l’attività di creare falsi “contenuti” per fomentare l’odio è mai stata così diffusa, grazie, purtroppo (di nuovo) a facebook e alla semplicità della realizzazione: sia photoshop che le “testate” pseudo giornalistiche – blog e simili – sono alla portata di tutti.

Fare un elenco delle “bufale” ingenuamente condivise da decine di migliaia di utenti è praticamente impossibile: si va dal tanga della Boschi al braccio spezzato allo zingaro da un turista russo, dallo zenzero che cura qualsiasi male alla sauna da 300milioni costruita in parlamento.

Ultima, in ordine di tempo questa della foto di apertura, dove una notizia di un certo spessore (foto originale) grazie a photoshop è diventata l’ennessima bufala acchiappa odio contro gli immigrati sfruttatori e rei di detestare i nostri amati cani.

Famosa la panzana della presenza di 2.000.000 di persone al circo massimo di Roma (che pieno non ne contiene più di 300.000) per il Family Day e che, non me ne vogliano gli organizzatori, dalle fotografie sembra molto meno riuscito, come affluenza, di un buon concerto – dove tra l’altro si paga per entrare.

E, sempre restando in tema, la bufala, sempre col solito scopo di fomentare l’odio, che la legge per le unioni civili permetterebbe l’adozione indiscriminata (mentre si parla solo di quella dell’eventuale figlio naturale del partner) e legalizzerebbe la pratica dell’utero in affitto (per nulla citata nel testo della legge).

A questo si aggiunga il dramma che in un Paese irrisolto e fazioso come l’Italia, da sempre diviso tra guelfi e ghibellini, Coppi e Bartali, Loren e Lollobrigida, pro o contro Berlusconi, pro o contro Renzi, Valentino Rossi o Jorge Lorenzo, il terreno è fertilissimo.

E così ogni singola questione deve essere estremizzata: dalle abitudini alimentari (assassini mangia cadaveri) alle idee politiche (idioti, corrotti, microchippati, sciochimicisti, ecc ecc), al credo religioso (pedofili, stupratori, colonizzatori, ecc, ecc), a quello sportivo (qui gli esempi sarebbero troppi).

Ogni problema (trascurabile come la fede sportiva o complicatissimo come il dramma dei migranti) diventa latore di un distillato di odio che noi tutti siamo costretti a sorbirci riducendo il tutto a una visione ingenua e manichea (alimentata anche dalla bassa scolarizzazione): amici-nemici.

E il tutto solo per far guadagnare qualche spicciolo a dei siti o qualche voto a un partito.

Il mondo, il web e persino facebook è, grazie a Dio, molto di più.

Mascarini_lettrice

p.s. Come antidoto a questo veleno ho scelto di provare a cercare la bellezza (come in questo quadro di Giuseppe Mascarini che mette insieme la bellezza dell’arte, della sensualità e della lettura…)

Grazie moltissime per la lettura. Se vuoi possiamo restare in “contatto” con un semplice click qui sotto.

https://www.facebook.com/massimopiccoloofficial

Rispondi