E.Si.Le (Estrema Sintesi Letteraria). Il Conte di Montecristo

Ponete il caso che alla vigilia delle vostre nozze siate giovane, bello, innamoratissimo e ricambiato dalla ragazza più bella del vostro paese, pronto a una brillante carriera che vi frutterà un’ambita posizione medio borghese capace di riscattarvi dalla vostra poca istruzione e non folgorante intelligenza.

800px-Louis_Français-Dantès_sur_son_rocher.jpg

Cosa potrebbe capitarvi di meglio dell’essere coinvolto in una congiura che vi costringerà per 14 anni in una terribile prigione dimenticata su un isolotto nel mare? A quanto pare nulla.

Almeno a leggere la straordinaria storia di Dumas. Da questa sofferenza, grazie al fortunato incontro con l’abate Faria (altro prigioniero), Edmond Dantès ne uscirà come Conte di Montecristo – ricco più di un nababbo, che, dopo aver distribuito vendette e premi a nemici e amici, riuscirà a dimenticare anche il suo grande amore passato (e sfiorito), in nome della bellissima, innamoratissima (e giovanissima) principessa Haydée.

Call to action 1 Max rid2

Non ricordo una revenge story così complessa e accurata in tutta la letteratura (e cinematografia) come quella messa su da Dumas che, anche se, di tanto in tanto, si nasconde dietro la “volontà di Dio” si capisce benissimo che deve essersi divertito tantissimo a creare personaggi cattivi da far soffrire come meglio riuscisse a immaginare. E noi con lui, leggendolo anche dopo quasi 170 anni dalla prima pubblicazione.

Conte

 

Grazie per la lettura, se vuoi possiamo restare in contatto,  clicca qui per la mia pagina facebook.

https://www.facebook.com/massimopiccoloofficial/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...